Il riposo settimanale nel nuovo CCNL sanità

Il riposo settimanale nel nuovo CCNL sanità

-1_orig 25jpeg

Art. 45 il riposo settimanale

Il numero dei riposi settimanali spettanti a ciascun dipendente è fissato in numero di 52 all’anno, indipendentemente dalla forma di articolazione dell’orario di lavoro. 

Non sono conteggiate le domeniche ricorrenti durante i periodi di assenza per motivi diversi dalle ferie.

Il riposo settimanale non è rinunciabile e non può essere monetizzato (capito?). 

La festività nazionale e quella del Santo Patrono coincidenti con la domenica o con il sabato per il personale con orario di lavoro articolato su cinque giorni non danno luogo a riposo compensativo né a monetizzazione. 

Se il riposo salta, va recuperato la successiva, in giorno concordato fra il dipendente ed il dirigente o il responsabile della struttura, avuto riguardo alle esigenze di servizio.

L’attività prestata in giorno feriale non lavorativo, a seguito di articolazione di lavoro su cinque giorni, dà titolo, a richiesta del dipendente, a equivalente riposo compensativo o alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario ovvero trova applicazione l’art. 48 (Banca delle ore).
- A gennaio il nuovo sistema di incarichi
- Ecco il nuovo sistema di classificazione del personale

-1_orig 11jpeg

IMG-20221001-WA0005jpg

1661421787467jpg