Schiavi o professionisti polemici?

Schiavi o professionisti polemici?

Noi come Nursing Up ci auspichiamo che questo 2021 sia proprio l'anno dell'umiltà.

Umiltà, che in questo appena passato 2020 la nostra classe dirigenziale, sia politica che aziendale, non ha saputo assolutamente esprimere.

Se da un punto di vista sindacale già prima era difficile fare sindacato, con l'avvento del covid-19 lo è ancora di pìù.

La classe dirigenziale si è arroccata dentro al proprio castello e non ci hanno assolutamente più voluto considerare, senza quel vero e sano confronto.

Quasi tutte le aziende si sono limitate a darci delle informative, all'ultimo momento, e senza il tempo di visionarle nei dettagli bisognava subito decidere.

Noi siamo stati ovviamente costretti a scrivere molte lettere per parlare con le aziende, di cui molte hanno deciso di non risponderci, altre hanno risposto sottolineando che sempre noi siamo a polemizzare, altre ancora dicevano che noi vedevamo problematiche inesistenti, in quanto tutto stava funzionando come scritto nelle procedure da loro scritte.

Questo dimostra solamente una cosa, che non hanno l'umiltà di mettersi in discussione.

Noi raccogliamo le problematiche dei lavoratori, noi stessi siamo lavoratori, quindi sappiamo bene come stanno le cose e cosa non funziona, ma dal punto di vista di chi dirige, noi vogliamo solamente polemizzare.

Abbiamo osservato una vera e propria schiavizzazione dei lavoratori.

Le dirigenze, pur di non ammettere la loro “incapacità organizzativa”, hanno provato ad accusare i lavoratori per l'aumento dei contagi, accusando i professionisti di non essere in grado di vestirsi/svestirsi secondo le procedure o usare i DPI in modo idoneo.

Peccato che queste dirigenze, brave, bravissime ad elogiarsi e mai a fare autocritica, hanno scritto procedure inapplicabili, in quanto il personale manca.

Ricordiamo a questi signori che nella prima ondata i DPI mancavano, mentre nella seconda i DPI spesso risultano non idonei, cronaca di pochi giorni fa proprio all'Ospedale di Ferrara sono state ritirate le mascherine.

Spesso ci forniscono DPI con istruzioni scritte in cirillico, in cinese, in giapponese, in russo, in tutte le lingue possibili immaginabili tranne in italiano. Non siamo forniti della scheda dove poter leggere cosa indossiamo e come usarlo, Decreto Legislativo 81, forse uno dei motivi per cui ci contagiamo, ci viene fornito materiale non idoneo.

Mentre nella prima ondata hanno fatto un po' di assunzioni, peccato non a tempo indeterminato ma a tempo determinato, co co co, etc, nella seconda andato praticamente le assunzioni sono state ancora più un miraggio.

Inoltre se nella prima ondata si è vista una chiusura totale delle attività non urgenti, quindi tutto il personale raccolto per il covid-19, nella secondo andata è stato aperto tutto, come se il covid-19 non esistesse.

Sale operatorie aperte anche per piccoli interventi, servizi, ambulatori, con metà personale rispetto a prima.

Lo stesso personale che aveva combattuto nella prima onda è arrivato stremato nella seconda ondata, in una condizione che probabilmente solo i lavoratori possono capire, e per noi era chiaro che i contagi non potevano che aumentare, e infatti c'è stata una vera ecatombe.

Nelle RSA la risposta è stata ancora ancora peggiore, Ad una spaventosa carenza di personale, già di per se cronica, e sul perché si dovrebbero fare due domande, ma non se le faranno mai, la dirigenza ha pensato addirittura di risolvere il problema con una grande genialata: spostare personale pubblico, già in grosso affanno, nel privato, non sostituendolo, bloccando le ferie, i permessi, con salti di riposo, ed estenuanti doppi turni.

Le grandi menti della nostra sanità, hanno preso del personale in affanno, stanca della prima ondata e messa a lavorare il doppio, il triplo rispetto alla prima onda, senza concedere riposi o quant'altro avrebbero diritto da contratto.

Ma non è bastato solo schiavizzarci, per uno stipendio poi che a stento ci fa arrivare ai primi venti del mese, inferiore alla media Europea (se poi sei un collega monoreddito con figli, non arrivi sicuro a metà del mese), è arrivato il vaccino e con gli stessi operatori sanitari bisognerà occuparsi anche della campagna vaccinale.

Dirigenza alla quale provi a fargli notare qualcosa, e ti risponde che sei polemico e che le cose vanno benissimo, negando l'evidenza.

Nel 2003 è stato fatto uno studio, si è visto che ogni anno 18.000 persone morivano per infezioni ospedaliere, una colpa dell'organizzazione ospedaliera.

Come hanno pensato come rimedio?

Con la creazione di centinaia di procedure, protocolli su protocolli, come se il problema fossimo noi, il nostro operato e non la carenza di personale, e udite udite, il risultato è stato che dal 2003 al 2016 i morti per infezioni ospedaliere sono aumentati a 50.000 l'anno.

Questo ci conferma che non erano le procedure sbagliate, o che magari non sono sbagliate queste, ma che per applicarle serviva e serve il personale infermieristico e di supporto giusto, in termini di numeri.

L'infermiere non viene messo in condizioni di poter fare bene il proprio lavoro, gli studi più recenti dicono che un infermiere ogni sei pazienti, non solo riduce le morti e le infezioni ospedaliere oltre alle LDD, ma anche il costo per milioni di euro anno dovuto all'uso di antibiotici, materiale da medicazione per ldd, etc, etc.

Quindi investire nel numero degli infermieri significa risparmiare soldi, morti e infezioni. Probabilmente le nostre grandi menti pensanti o non leggono le ultime ricerche internazionali o pensano di saperne di più.

Finchè il numero degli infermieri/pazienti non sarà di uno a sei, tutte queste morti non diminuiranno .

Ai miei colleghi dico questo: A noi che continuano a non pagarci come si dovrebbe, che continuano a maltrattarci, ad accusarci, etc, viceversa quando arriverà il momento di dare i premi ai dirigenti, i nostri capi politici elogeranno e premieranno profumatamente, per migliaia di euro, l'operato degli stessi dirigenti che a noi sembra tutt'altro da elogiare.

Questo grida vendetta.

Buon anno da Francesca Batani