Infermieri: Fedriga sbaglia, servono soldi e valorizzazione!

Infermieri: Fedriga sbaglia, servono soldi e valorizzazione!

ddfjdhrigjpeg
Il governatore rieletto del Friuli Venezia Giulia, il dott. Massimiliano Fedriga,
presidente della Conferenza delle regioni e delle province autonome, ha dichiarato che le previsioni ci dicono che dal 2027 rischiamo di restare con ancora meno infermieri.

Secondo il Presidente, eliminare il numero programmato risolverebbe la carenza di infermieri. Mai che qualcuno non parli di soldi.

La sua proposta di eliminare il numero programmato all'università è superficiale e non risolve il problema.
La vera causa della carenza è un sistema sanitario mal gestito, con stipendi bassi, condizioni di lavoro pessime, turni massacranti, carenza di personale, stress e burnout. Mancanza di diritti e valorizzazione, scarsa autonomia professionale, riconoscimenti insufficienti.

La politica continua a non capire.

I nostri salari sono fermi da decenni, mentre quelli dei dirigenti volano. Molti colleghi lasciano l'Italia per lavorare all'estero, dove sono meglio pagati e valorizzati. La situazione è grave, ma non irreparabile. Serve un'inversione di rotta immediata, con interventi concreti da parte del governo. Il tempo delle promesse è scaduto.

Le possibili soluzioni? Per iniziare:

  • Aumento di 500 euro netti mensili: un primo passo per rendere la professione più attrattiva.
  • Centralizzazione del SSN: eliminare sprechi e dirigenti superflui, valorizzare i professionisti.
  • Miglioramento delle condizioni di lavoro: stop ai salti di ferie, riposi e stress.
  • Eliminazione dei vincoli, nullaosta e libera professione
  • Detassazione del 50%: per aumentare il potere d'acquisto dei professionisti sanitari.
  • Riconoscere l’attività infermieristica come usurante e permettere il ricambio generazionale rendendo la professione attrattiva da un lato e permettere ai colleghi stanchi di riposarsi dopo tanti anni di onorato servizio.
  • Un contratto unico nazionale

Ci stiamo organizzando, siamo pronti, scenderemo in piazza per difendere il nostro SSN e il diritto a una sanità pubblica efficiente e di qualità!

Siamo l’esercito più numeroso e preparato del Paese, insieme possiamo cambiare le cose. Se sei d’accordo condividi e vieni a dire la tua su “Infermieri Fuori dal Comparto”, gruppo Facebook, che sta diventando un punto di riferimento per la mobilitazione e la condivisione di idee. Siamo pronti alla piazza.

Vincenzo Parisi

1702479700084png
   r4wjpeg