INFERMIERI DANNO 48 ORE AL GOVERNO

INFERMIERI DANNO 48 ORE AL GOVERNO

Il Presidente Dott. Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up il sindacato di chi è in prima linea per 365 giorni l’anno, avvia una diffida e costituzione di mora indirizzata al Presidente dei Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, al Ministro della Pubblica Amministrazione, a tutti i Governatori di tutte le regioni.

Dopo aver presentato numerosi esposti in tutto in tutte le Regioni, per la violazione della legge 81 del 2008 sulla sicurezza sul lavoro, e inviato lettere di protesta ovunque per mancata quarantena del personale asintomatico entrato in contatto con soggetti a rischio.

Dopo il precipitare della situazione, dopo l’allarmante e costante aumento del numero di contagiati tra gli operatori sanitari, oltre 2600, dopo le continue segnalazioni provenienti da tutta Italia da parte dei colleghi, il Presidente si è visto costretto a procedere per vie legali.

Una lunga diffida, ne preannunciamo solo qualche dettaglio, vi invito però a leggerla. Si denuncia una grave carenza dei dispositivi di protezione individuale, con particolare riferimento alle mascherine professionali Ffp2 e Ffp3 di tamponi e di dispositivi di sicurezza.

Una situazione pericolosa, dichiara il nostro Presidente anche nelle regioni maggiormente colpite dal virus.

Noi della pagina di Nursing Up ci schieriamo a fianco del Presidente, quindi dalla parte di voi infermieri e tutti gli operatori professionisti della salute.

INVOCHIAMO IL VOSTRO AIUTO A SOSTENERE IL SINDACATO IN QUESTA LOTTA.

Il Presidente ha precisato che non si può pensare di vincere una guerra a discapito di infermieri, professionisti della salute e dei loro familiari che andranno in contatto con loro.

Addirittura alcuni colleghi hanno segnalato alla nostra pagina che non trovano case da affittare. Non voglio infermieri in casa mia, la risposta di alcune persone. Una società che dovrebbe amarci e aiutarci per il sacrificio che stiamo facendo per la nazione tutta.

Non vogliamo nemmeno immaginare cosa accadrebbe se gli infermieri perdessero questa battaglia o venissero messi fuori gioco tutti dal virus.

Chi pensa che l’infermiere sia sacrificabile significa che non sa minimamente come funziona la sanità da vicino, ma solo dai loro bei uffici, per sentito dire o da qualche bel libro universitario. Vogliamo anche, noi della pagina, specificare che non esiste solo il coronavirus, noi combattiamo 365 giorni l’anno contro ogni tipo di virus e batteri killer, 24 ore su 24.

Il Presidente poi chiede di sapere nel dettaglio quanti Infermieri e professionisti della salute sono contagiati.

Chiediamo immediatamente i numeri, reali.

Gli organi preposti tardano la risposta e ci chiediamo il perché ?

La nostra forza, la nostra determinazione, la nostra competenza, le nostre emozioni sono la spina dorsale del SSN in questo delicato momento di emergenza”.

Vengono dati 48 ore di tempo dal ricevimento della presente, che alleghiamo sotto, per attuare tutto ciò. 

Andate a leggerla.

CLICCA PER LEGGERE: http://customer38463.img.musvc1.net/static/38463/documenti/2/ListDocuments/2020/diffida%20pdf%20ok.pdf