CROCEROSSINE IN P.S. RAVENNA ?

CROCEROSSINE IN P.S. RAVENNA ?

NURSING UP - IL SINDACATO DEGLI INFERMIERI ITALIANI

Regione EMILIA ROMAGNA

segreteria Nursing Up AVR Tel. 3493551633 – fax 0547662646

e-mail segreteria.avr@nursingup-er.it

 

COMUNICATO STAMPA 13.01.19 

Comunicato stampa del sindacato Nursing Up

 

CROCEROSSINE IN P.S. RAVENNA ? ABBIAMO BISOGNO DI UN PIANO EMERGENZA SERIO CHE COINVOLGA TUTTE LE PROFESSIONALITA’ ED IL TERRITORIO, POI CI SI POTRA’ PERMETTERE  AZIONI DA “LIBRO CUORE” 

Finalmente anche altri sindacati si sono destati dal torpore ed hanno verificato che nel P.O. di Ravenna il “Piano strategico aziendale per la gestione del sovraffollamento “ è assolutamente inefficace. 

MA IL PRONTO SOCCORSO E’ SOLO LA “PUNTA DELL’ ICEBERG!” 

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato le azioni , in sintesi, che la Ausl Romagna ha implementato attraverso lo specifico documento che  NURSING UP - Il Sindacato degli Infermieri Italiani -  è riuscito ad ottenere (unico a farlo!) ,dopo aver denunciato la cosa all’assessore alla Sanità regionale Dr. Venturi, il documento suddetto ed è in corso da parte del sindacato un monitoraggio delle ripercussioni che ogni U.O. accusa (aumenti cariche di lavoro, stress da lavoro correlato, maggior rischio infortuni….) .

Senza contare il maggior rischio per la salute della cittadinanza causa una carenza, o meglio una non rimodulazione del personale, in base alla casistica del case mix di pz che necessitano ,dopo l’accesso in P.S. ,di posto letto per ricovero ospedaliero , posto letto sempre più raro da trovare ecco perché i famosi esuberi nei reparti chirurgici.

I cd “reparti polmone” non hanno dato la risposta che ci si aspettava anche perché i posti letti dedicati sono sempre esauriti! 

NOVITA’ DI QUESTI ULTIMI GIORNI? 

Ora cosa si sono inventati, arrampicandosi sugli specchi, i Dirigenti della Ausl Romagna per far fronte alle criticità del P.S.? Inserire tra le barelle accatastate le  “evergreen” crocerossine con funzioni di assistenza psicologica e socio assistenziale ( dichiarano i vertici aziendali) ma allora perché non inserire a questo punto decine di crocerossine , al posto degli OSS che mancano, nei reparti internistici (vedi le medicine) per dare supporti ai pz che necessitano di assistenza continua ma che gli viene spesso erogata in ritardo visto che i pochi infermieri sono talmente oberati di lavoro da non riuscire a garantire i livelli minimi essenziali di assistenza? Il rapporto è di 1 infermiere per 15 pz senza personale di supporto!

Ovvio che la nostra è una provocazione e sia ben chiaro che non è una presa di posizione verso l’operosità delle crocerossine delle quali apprezziamo le attività svolte in ogni dove ma la questione è veramente seria ed il collasso del sistema è un rischio che la Ausl Romagna non può permettersi ed ha tutte le responsabilità per scongiurare che ciò accada. 

E cosa fa per “potenziare “ il personale? < mantenimento in essere dei contratti del personale assunto per il picco influenzale 2017-18 >  quindi già , di fatto , personale operativo e quanti sono 7 infermieri e 2 OSS! Per tutto il territorio ravennate !!!!!!!!!

Ma due OSS in più servirebbero solo per un turno notturno in medicina (ora non ci sono affatto!) di cosa stiamo parlando?

Nei prossimi giorni NURSING UP presenterà una controproposta al Piano aziendale per la gestione dell’emergenza influenza che dia risposte non solo al P.S. ma a tutte le UU.OO. coinvolte e questa volta pretenderemo azioni serie non legate solo al volontariato o allo spirito di sacrificio degli operatori sanitari e tecnici. Loro hanno già dato ora tocca alla Ausl Romagna 

Gridelli Gianluca

Nursing Up Segreteria AVR

3493551633