Comparto sanità, le ferie si perdono ? Corte Europea

Comparto sanità, le ferie si perdono ? Corte Europea


Breve lettura di una sentenza di pochi mesi fà. Abbiamo a fine lettura ellegato il link se volete visionare voi stessi la sentenza.

Iniziamo a dire che ogni lavoratore della Comunità europea ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite i cui periodi devono essere via via ravvicinati, in modo da ottenere un progresso, conformemente alle prassi nazionali.

Tutti i lavoratori dovrebbero avere periodi di riposo adeguati. Il concetto di “riposo” deve essere espresso in unità di tempo, vale a dire in giorni, ore e frazioni d’ora. I lavoratori [dell’Unione] devono beneficiare di periodi minimi di riposo giornaliero, settimanale e annuale e di adeguati periodi di pausa.

Gli Stati membri prendono le misure necessarie affinché ogni lavoratore benefici di ferie
annuali retribuite di almeno 4 settimane, secondo le condizioni di ottenimento e di concessione previste dalle legislazioni e/o prassi nazionali (art 7 direttiva 2003/88).

Il periodo minimo di ferie annuali retribuite non può essere sostituito da un’indennità
finanziaria, salvo in caso di fine del rapporto di lavoro» (art 7 direttiva 2003/88).

L’articolo 17 della direttiva 2003/88 prevede che gli Stati membri possano derogare a talune disposizioni di quest’ultima. Tuttavia, nessuna deroga è ammessa per quanto riguarda l’articolo 7 della stessa.

Il lavoratore deve essere infatti considerato la parte debole nel rapporto di lavoro, cosicché è necessario impedire al datore di lavoro di disporre della facoltà di imporgli una restrizione dei suoi diritti. Tenuto conto di tale situazione di debolezza, un simile lavoratore può essere dissuaso dal far valere espressamente i suoi diritti nei confronti del suo datore di lavoro, dal momento, in particolare, che la loro rivendicazione potrebbe esporlo a misure adottate da quest’ultimo in grado di incidere sul rapporto di lavoro in danno di detto lavoratore.

Inoltre, gli incentivi a rinunciare alle ferie come periodo di riposo ovvero a sollecitare i lavoratori a rinunciarvi sono incompatibili con gli obiettivi del diritto alle ferie annuali retribuite, ricordati ai punti 32 e 33 della presente sentenza e legati segnatamente alla necessità di garantire al lavoratore il beneficio di un riposo effettivo, per assicurare una tutela efficace della sua sicurezza e della sua salute.

Se, invece, detto datore di lavoro è in grado di assolvere l’onere probatorio gravante sul medesimo a tale riguardo, e risulti quindi che il lavoratore, deliberatamente e con piena cognizione delle conseguenze che ne sarebbero derivate, si è astenuto dal fruire delle ferie annuali retribuite dopo essere stato posto in condizione di esercitare in modo effettivo il suo diritto alle medesime, l’articolo 7, paragrafi 1 e 2, della direttiva 2003/88 non osta alla perdita di tale diritto né, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, alla correlata mancanza di un’indennità finanziaria per le ferie
annuali retribuite non godute.

Quindi un lavoratore non può perdere automaticamente i diritti alle ferie annuali retribuite maturate, perché non ha richiesto le ferie, ma potrebbe perderle se il datore di lavoro più volte ha provato a fargliele smaltire.

Parisi Vincenzo

Fonte:
https://www.aranagenzia.it/attachments/article/9377/CORTE%20EUROPEA%20-%20FERIE%20sent.%20C.684-16.p...




Ricorda il Nursing Up protegge i suoi iscritti a 360° con colpa grave fino a 10 milioni, protezione casa da incendio, allagamenti, agenti atmosferici, etc. Protegge il nucleo familiare, tutela legale civile e penale, infortunio e malattia, invio di elettricista, pediatra, fisioterapista idraulico, etc. Tantissime convenzioni, ecm, master, etc. Per info: http://www.lapaginadinursingup.it/assicurazione

Se cerchi cambi compensativi, concorsi, ecm, etc vai sul nostro sito www.lapaginadinursingup.it

Per info-iscrizioni whatsapp o sms 3401210916
email: lapaginadinursingup@yahoo.com